Archivio blog

martedì 26 febbraio 2013

55° e 56° Giorno 24-02-13 Percorso: Moquegua - San Camillo 160 km 25-02-13 Percorso: San Camillo - Camana 168 km Hola' amigos, mai avrei pensato che una cittadina come Camana mi regalasse tanta gioia.... La sofferenza e'diventata una comapagna di tutti questi ultimi giorni, diciamo partendo da Pozo Almonte del Cile... Deserto.. Pampa.. Un percorso (spettacolare) ma durissimo... salite anche di 27 km (ho usato anche la moltiplica del 30 che piu' agile non si puo')salendo anche a zig zag e discese di continuo... e oggi sinceramente a 60 km da Camana ero in crisi... Leggermente in discesa, il colmo era che dovevo pigiare a tutta per andare avanti... poi gli ultimi 30 km uno spettacolo... Discesa senza vento contro e sui 10 km di costa vento a favore... Salutavo tutti con foto... anche la polizia...ricambiato... E' stato come se Camana attendesse il mio arrivo...Altro che Santiago, Lima, o.... e la particolarita' di Camana sono i taxi/ape e i venditori di gelato in bicicletta, poi quando carichero' le foto vedrete (stasera non riesco sono molto stanco..) Qua come vi avevo gia' accennato non ci sono le estacion di servizio lungo la ruta, ma nei paesini che sulle cartine non sono seganalati si trovano posade dove il riso e il pollo non mancano mai... Soste graditissime... L'avventura/Missione continua nella sofferenza, nella gioia, e' come la vita, un po' su'... un po' giu'... Trovare sempre la via di mezzo tra il non abbattersi e il non esaltarsi! FORZA, domani e' un'altro giorno! Hasta luego! Mauro P.S. In Peru' Siamo a -6 ore dall'Italia, praticamente la mattina alle 5:30 e' giorno e la sera 6:30 circa fa' notte.

9 commenti:

Isalma Pighetti ha detto...

Ciao Mauro, anche oggi nella sofferenza sei riuscito a portare avanti la tua e nostra missione. Siamo fieri di te, della tua capacità di saper affrontare nel migliore dei modi tutto quello che sulla strada ogni giorno ti si presenta. Riposati, ne hai tanto bisogno. Domani avrai di nuovo le forze necessarie per scrivere un'altra pagina di vita. A presto!

Mirco ha detto...

Ciao Mauro, ti faccio i miei complimenti, sapevo benissimo che razza di percorso ti aspettava e sono finalmente sereno nel vedere che, comunque con grande fatica, sei arrivato a Camanà. Il problema adesso diventa il recupero, devi trovare il modo di dormire un poco di più e per qualche giorno penso che dovresti accorciare la lungezza della tappa a 100/120 km. Una cosa certa è che fermarti qualche giorno sarebbe, anche se sembra assurdo, controproducente, nel senso che rischieresti di tornare in bici pedalando "quadro".
Per i non addetti quando un ciclista pedala bene si dice che ha una pedalata "rotonda"...quindi è chiaro il concetto che ho espresso prima, rischieresti di avere qualche giorno di grossa difficoltà (e ricordati che questo tipo di problema lo troverai quando starai fermo qualche giorno specialmente se, quando ti fermi, hai una situazione di stanchezza abbastanza marcata come mi sembra di aver capito stai vivendo in queste tappe). Un altro aspetto è che dovresti assumere sali minerali e aminoacidi che senz'altro non sono assunti in modo sufficiente con quello che mangi. Se li trovi in Farmacia bevi almeno un paio di buste di Sali al giorno e cerca Integratori con Aminoacidi Ramificati anche se penso che in Perù saranno difficili da trovare. Inserisci nell'alimentazione almeno due banane al giorno e parecchia frutta secca. Controllati il peso, se puoi, almeno tutti i giorni, ricordi che alla partenza ti avevo detto che eri già troppo magro? Il tuo peso non deve diminuire troppo e quindi cerca, compatibilmente con la tua glicemia, di mangiare pareccchia pasta e anche dei grassi. Frutta e verdura a volontà.
Se ci riesci cerca di mangiare pasta anche al mattino prima di partire, magari anche del riso freddo che ti puoi far preparare la sera quando ceni dopo la tappa.
Ti ricordo che non ti puoi permettere di partire al mattino già stanco quindi prendi in considerazione tutto quello che ti dico e cerca di gestirlo al meglio. Per i prossimi 5/7 giorni quando affronti salite o saliscendi, anche se il fisico te lo permetterebbe, non salire con lunghi rapporti, usa sempre il 30, è un modo per tenere il "motore" a basso regime di giri e consumare poco. Nei prossimi due giorni costeggerai l'Oceano Pacifico fino a Yauca, il meteo è buono, le temperature saranno gradevoli e, sopratutto, dovresti avere il vento a favore. Purtroppo il percorso è costellato di sali-scendi e ci saranno anche alcune salitelle non molto lunghe ma abbastanza impegnative. Mi raccomando Mauro, devi recuperare prima di ricominciare a salire verso Nazca ed Ica, perchè anche lì i percorsi sono tosti. Alè Campione, si riparte e, per quanto ti può servire, non solo il mio pensiero, ma anche il mio cuore pedala con te. Abbi cura di te amico mio.

MARIA MASTAI ha detto...

ola ! Spero che abbia potuto riposare . Si ogni giorno come nella vita si possono avere alti e bassi ma sei hai scelto un'avventura missione cosi è perchè ce la puoi fare con l'aiuto di dio e di tutti noi che ti seguiamo . Poi la gente che incontri sono altri compagni di viaggio FUERZA MAURO . Mi stai insegnando che in ogni situazione della vita non si deve scoraggiare . Buona pedalata !

sabina federigi ha detto...

Caro Mauro è bello sapere che la tua entrata in Camana è stata trionfante!L' equilibrio che traspare dalle tue parole , la tua forza interiore, e l'amore per la vita ogni giorno ci da uno sprint in più per affrontare la vita di tutti i giorni ! grazie avanti e non maollare mai! Sabina e famiglia

MARIA MASTAI ha detto...

Segui i consigli di Mirco anche se ti sai gestire sicuramente di possono aiutare nell'affrontare le fatiche di un'atleta come te . Ciao

sabina federigi ha detto...

Caro Mauro complimenti Per aver raggiunto un nuovo traguardo 7000 km di grande sensibilità e tenacia! grande talento ! Ciao di nuovo Sabina e famiglia . siamo fieri di te!

sergio ha detto...

Ciao Maurone Buona Giornata, vedo che sei già in viaggio e dala media qualche cosa mi dice che stai pedalando forte cerca di recuperare perché come dice Mirco ti aspettano prove impegnative e fino a quando ti trovi lungo la costa con percorsi favorevoli bisogna risparmiare il motore per i momenti più difficili.Concordo con Mirco il riposo del ciclista é andare in bicicletta anche quando si é stanchi l'importante é prendersela comoda e pedalare in agilità e a questo proposito penso che se per un paio di giorni riduci il chilometraggio sia una buonissima scelta perché questo ti permette di riposarti sia alla mattina che alla sera. Ciao Mauro e a presto. Sergio

Mirco ha detto...

Buongiorno Mauro, non riesco ad avere contatto col GPS e nel blog non c'è il tuo rapporto di ieri. Credo comunque che ti sei fermato nella zona di Atico. Credo inoltre che sei già in viaggio per raggiungere Yauca che dovrebbe essere la tua prossima meta. Voglio darti una rinfrescata alla memoria per la tappa di domani, quella che presumibilmente ti porterà a Nazca. Il percorso è praticamente tutto in salita ma andrai ad un'altitudine di circa 600 mt. quindi la salita non dovrebbe avere pendenze proibitive, ma ti ripeto che credo salirai tutto il giorno e visto che la distanza da Yauca è di 120 km.circa mi fermerei lì. Nazca è una città molto particolare, troverai infatti dei geoglifi (che purtroppo si vedono solo dal cielo), sono dei disegni sulla sabbia che furono fatti dalla civiltà nazca migliaia di anni fa e che ancora si conservano. Di fatto stai entrando in quella fascia della cordigliera delle Ande che fu la patria della civiltà Inca. Purtroppo il meteo annuncia una altissima probabilità di pioggia, ma le temperature massime raggiungeranno ugualmente i 33° con vento moderato a 14 Km/h.
Mi raccomando usa il cambio e stai leggero coi rapporti.
Suerte amigo.

Mirco ha detto...

Ciao Mauro, continua a non esserci segnale quindi...brancoliamo nel buio in attesa di rivedere il lampeggiante rosso o il Blog arricchirsi dei tuoi rapporti giornalieri. Comunque vorrei, e sono sicuro sarai d'accordo, allargare lo staff, diciamo tecnico, che ti segue, al sottoscritto che studia e analizza il percorso, al mitico Giancarlo che ci sostiene con la sua esperienza, vorrei aggiungere Sabina come "Contakilometri Ufficiale". Vedo che con regolarità scandisce le migliaia di km. che raggiungi quindi la incarichiamo ufficialmente di ufficializzare ogni migliaia di Km. che raggiungi, ma quando arriverai al 13.000 dovrà invertire la tendenza cominciando un ipotetico conto alla rovescia e cioè invece che segnalare i 14.000 dovrà segnalare -11.500. Sono sicuro che tutti sono d'accordo e che Sabina accetterà questo importante incarico. Buona serata a tutti...in attesa di Mauro