Archivio blog

venerdì 29 marzo 2013

87ºGiorno
28-03-13
Percorso: Palmira - Cortago 163 Km

Hola'
la cosa sorprendente della Colombia, difficile a credersi per la sua fama di droga, rapimenti e malvivenza e' che e' un paese che crede molto in Dios! Oggi giovedi' Santo, la maggior parte non lavorano come qui a Cortago con molti negozi chiusi, stamani era come domenica, tutti in bici, a piedi, in pattini e molte moto e molti andavano ad Santuario del Senor de los Milagros di Burga distante 50 km circa da Palmira. La chiesa ieri sera era piena e oggi la S.Messa  alle ore 16:00 stracolma, arrivato appena in tempo. Molta pubblicita' sulla Semana Santa con striscioni, cartelli, questo l'avevo notato anche in Ecuador e addirittura in Peru' quando mancava ancora una ventina di giorni... La Colombia che non t'aspetti!
Virtualmente Medellin -250 km circa l'ho vista oggi, l'ho quasi toccata, pianura e qualche saliscendi dopo il 100º km, ma domani si riniziera' a salire e di conseguenza a soffrire con Medellin che si allontenera' ma solo virtualmente.... Fino a due giorni fa' pensavo di prenotare il volo il 2 aprile per Panama (non esiste la strada tra la Coilombia e Panama), attualmente penso di prenotarlo il 1 aprile visto che al momento non so' niente di un'accoglienza ufficiale da parte dell' Ambasciata Colombiana e Panamense.... Peccato perche' sono occasioni perse per la comunicazione... Non sempre le cose vanno come speriamo... Facciamo il posssibile poi l' impossibile lasciamolo fare a LUI!
Cantiamo insieme... Medellin, Medellin, Medellin.....Vai....
Ciao hasta luego!

1 commento:

Giancarlo Maini ha detto...

Carissimo Mauro, in Columbia, come in tanti altri paesi sudamericani, per il popolo la fede in Dio è l'unica vera compensazione alla miseria, la droga appartiene ad altri. Buon per te che, nella tua umana semplicità, puoi contare su tanti amici in ogni momento della
giornata. Buona Pasqua a te, al diabete e alla bicicletta, agli altri tuoi due AMICI che non ti mollano mai,gli auguri,glieli faccio direttamente io. Giancarlo