Archivio blog

sabato 30 marzo 2013

88•Giorno
29-03-13
Percorso: Cartago - La Pintada 169 km

Holà,
Medellín è a portata di mano -80 km circa.... Ho solamente lo scoglio di 40 km di salita tosta.... E poi Medellin sarà! Ho cambiato percorso lasciando la Panamericana (strada isolata con mucho ladrones) su indicazione del popolo Colombiano trovando un grande compagno di viaggio Juan Carlos un ciclista ex professionista che mi accompagnato per circa tre ore... Percorso duro lo stesso ma senza di lui avrei fatto la Panamericana... Contento perchè se tutto và il giorno di Pasqua non pedalerò. Peccato che oggi non sono riuscito a partecipare a nessuna funzione, solo una visita in chiesa.
Ciao un grande saluto a tutti!

7 commenti:

Mirco ha detto...

Carissimo Mauro, non ho aggettivi per commentare quello che hai fatto ieri, la tua determinazione è quasi "feroce". Non ti crucciare, il buon Dio sa benissimo chi sei e cosa stai facendo e perchè. La tua assenza ad una Funzione non esiste, perchè tu stai recitando una lunghissima Preghiera partita da Ushuaia e che finirà a Prudhoe Bay. Forse ti mancherà spiritualmente questo rito, ma tu sei molto più "presente" di tante persone che partecipano alle Liturgie quasi per abitudine. Il tuo grande messaggio d'amore per il prossimo, che stai portando avanti tra mille sacrifici, credo che per Gesù valga più di mille Preghiere e se il giorno di Pasqua avessi dovuto pedalare questa, per Lui, sarebbe stata senz'altro la tua Preghiera.
Che dirti per l'aspetto atletico...non ho parole, senz'altro la compagnia ti ha giovato. Avevo notato che il percorso era cambiato e per un po' ho temuto che avessi sbagliato strada, poi invece quando sei rientrato nella Valle del Rio Conca mi sono tranquillizzato. Sei andato ben oltre (qasi 30 Km.) la meta che avevo ipotizzato ed adesso Medellin è proprio là, oltre quella grande montagna che ti sta davanti. Via, si parte per questi ultimi 80 Km. che ti condurranno alla ottava perle della collana. Dopo pochi km. dalla partenza comincerai a salire e sarà così per circa 40 Km. dovrai superare un dislivello di 2200 mt. per arrivare alla vetta posta a 2444 mt. non ti nascondo che è una salita dura, ma giunto in vetta ti aspetta una discesa lunghissima che ti porterà a Medellin. Il meteo rispecchia le previsioni di ieri, alimentati con regolarità anche in salita per non trovarti senza "benzina" nella parte finale. Non mi vedrai, ma sarò li a Medellin ad attenderti e con me ci saranno tutti i quotidiani compagni di viaggio. Un grande abbraccio amico mio e...buona pedalata.

Isalma Pighetti ha detto...

Mauro sei fantastico! Dice bene Mirco, il tuo non riuscire fisicamente ad essere presente alla funzione in Chiesa, è perchè la "Passione di Nostro Signore" la stai "vivendo" di persona, giorno dopo giorno...sei molto più vicino tu a Lui in questo modo, che tanti di noi presenti alle funzioni della Settimana Santa. Sono altrettanto contenta che il Giovedì Santo, sempre tu, sia riuscito ad arrivare in tempo alla S.Messa nel giorno della Cena del Signore, stanco e sfinito, dove altri trovandosi al tuo posto sarebbero volentieri andati a riposarsi, altro che andare in Chiesa! Deve essere stato bello per te partecipare ad una funzione così importante in terra straniera, sicuramente celebrata nella loro lingua madre, e magari hai avuto un po' di difficoltà a seguire tutto...anche a me anni fa mi capitò in Francia...per riuscire a seguire la funzione devi avere un'attenzione molto alta e sapere i momenti della S. Messa quasi a memoria per capire in ogni momento quale preghiera staranno recitando per poterla recitare pure tu in italiano, magari sottovoce per paura di disturbare gli altri...Esperienza unica, assolutamente da provare nella vita! Mauro, oggi giorno di silenzio, meditazione, adorazione della Croce in vista della Risurrezione...momenti preziosi che abbiamo e che ci aiuteranno a pregare più intensamente per te, la nostra missione, e i progetti che stai portando avanti. Coraggio...e ti aspettiamo a Medellin!

MARIA MASTAI ha detto...

Che bello sei grandioso ed unico ! Ti accompagnano nella tua missione che è determinata dalla tua tenacia e come dice Mirco è il grande amore per il prossimo che conta . Certo la via crucis è una celebrazione importante ma tu la stai vivendo con le difficoltà che hai affrontato e affronterai; è la tua strada . Come Isalma penso alle varie celebrazione seguite in traduzione simultanea o altre esperienze che ho vissuto nelle GMG e in missione ancor più belle con canti nelle loro lingua straniera e poi il padre nostro recitato nelle varie lingue a seconda della propria provenienza . Che bello ! Esperienze uniche ! Per te che sei in terra straniera vivrai una celebrazione diversa credo rispetto alle nostre qui in Italia , ti accompagneremo e tu lo farai per noi che come amici ti seguiamo " Virtualmente" scrivendo tramite il blog o sms ma sicuramente è come se fossimo tutti lì con te , atleta coraggioso e instancabile . Che grinta !Buon arrivo a Medellin ! Ciaoo

sabina federigi ha detto...

Oggi Sabato Santo giorno del grande silenzio,per ricordare , per pregare...ma sai dentro di me sento gioia perchè in questo giorno noi sappiamo già che dopo la morte c'è la risurrezione che ci aspetta! Grande è la nostra fede grazie a Gesù che ci ha dato questa opportunità dopo tanta sofferenza! che dire Grazie a lui e a tutti coloro che hanno il coraggio di portare la propria croce con dignità e condividerla con gli altri! Ciao e tanti Auguri per una serena Pasqua da tutti noi Sabina e famiglia

Mirco ha detto...

Scusatemi tutti se rompo il silenzio del Sabato Santo ma credo che anche Lui sarebbe d'accordo con me. Lasciatemi urlare...GRANDEEE MAUROOOO...Medellìn è conquistata, l'ottava perla è nella collana, ma questa è più grande delle altre perchè oltre a Medellìn Mauro ha conquistato l'America Latina e dopo la Patagonia col suo vento e il Desierto De Atacama col suo caldo asfissiante, Mauro ha superato anche le Ande con le salite interminabili e quote inusuali per chi come noi vive in Italia. Grazie Mauro, adesso goditi qualche giorno di meritato riposo e ricarica le pile perchè da Panamà ritroverai il caldo torrido delle pianure dell' america Centrale. Un grande abbraccio amico mio, sono fiero ed orgoglioso di poter dire...Mauro è amico mio.

sabina federigi ha detto...

Grazie Mauro da tutti noi per la sorpresa!!! E per la grande emozione che ci hai dato!!!!! Medellin, Medellin, Medellin... ciao e buon riposo

Isalma Pighetti ha detto...

Mauro sei un fenomeno, ce l'hai fatta anche questa volta, sei finalmente a Medellin. Amici, tutti in piedi e facciamo un lungo applauso a Mauro che oggi ci ha regalato un'altra grossa emozione approdando alla tanto sognata Medelliiiiiiinnnnnnnnnn. Carissimo amico, grande campione BUONA SANTA PASQUA!!!