Archivio blog

martedì 23 aprile 2013

112•Giorno
22-04-13
Percorso: Juchitan - El Camaron 150 km

Holà,
il cambio mi ha abbandonato... Si è come inceppato, non scale le marce... Ho usato due rapporti fissi, moltiplica di 30 o 39, pignoni di 21 e 19...mettendo mano alla catena...e proprio oggi che sono riniziate le salite toste... E con questo problema il caldo è passato in secondo piano...Domani sarà uguale ma "devo" arrivare ad Oxaca e sperare.... Se eravamo in Colombia nessun problema ma qua una bici a corsa simile alla mia non l'ho ancora vista...
A manana ciao!

4 commenti:

Isalma Pighetti ha detto...

Ciao a tutti vi inoltro uno scritto appena ricevuto dalla Presidente AIPK Marta Graziani...da laggiù è difficoltoso anche pubblicare e mandare le mail...

Città del Guatemala 21/04/2013

Carissime/i,
Mi trovo in albergo nella Città del Guatemala, in attesa di riprendere l’aereo e rientrare in Brasile. Ho la sensazione di aver vissuto un film con continui “colpi di scena”: imprevisti, ostacoli, poi strade bellissime e poco dopo bloccati per ore e ore tra camion, corriere vecchissime, smog, pioggia torrenziale. Il Guatemala è davvero povero e poi tanti militari armati con fucili (sapete che ai posti di blocco bisogna passare con i vetri abbassati? Ci hanno fermato subito e così abbiamo fatto presto ad impararlo). E poi la frontiera del Messico...che avventura... e come volavano le mance...se volevamo passare....ma alla fine, già lo sapete tutti, abbiamo trovato ed incontrato Mauro.
Un incontro pieno di emozioni e di commozione.
Ancora non mi sembra vero.
Mauro sta bene, leggermente dimagrito, un poco stanco ma sempre fortemente motivato. Ha una missione da compiere e vuole portarla a termine. Ha i diversi messaggi da comunicare ( diabete, Sport, solidarietà, fede) e vuole che abbiano la massima risonanza. Ha coraggio, umiltà, capacità di grande adattamento, amore alla sofferenza e al disagio. Vive nell’essenzialità, in una sobrietà disarmante... gli abbiamo consegnato il famoso...pacco: insulina, striscie per la misurazione della glicemia, pile per il gps, aghi, vitamine, maglie ecc. ecc.
Abbiamo pranzato assieme, abbiamo pregato e poi padre Sebastiano Quaglio (la persona speciale che mi ha accompagnato) gli ha impartito una benedizione solenne. Si, è stato molto bello, importante, un incontro “pieno di Grazia” che sicuramente accompagnerà Mauro nella seconda parte della sua impresa.
E la prossima tappa....sarà la Madonna di Guadalupe. Ci siamo poi salutati rassicurandoci di ritrovarci ogni giorno nel cuore della Virgen.
Oggi ho la certezza che questo viaggio doveva andare così. Questa era la volontà del Buon Dio. Tutto ha avuto una spiegazione: gli imprevisti, il mio tesserino della febbre gialla ecc... con me doveva venire il Frei Sebastiano.... ma il resto lo racconto a voce.
Un caro saluto e un abbraccio.
Marta.

MARIA MASTAI ha detto...

Si anch'io ho ricevuto la lettera di Marta . Il sapere che Mauro sta bene rassicura tutti noi . Mi dispiace che in questi giorni abbia problemi con il cambio e quindi sarà più dura . Forza sappiamo che la tua tenacia e la tua grinta ti faranno superare anche questi ostacoli. Un' abbraccio amigo .Grazie per la tua essenzialità e semplicità . Ciao buona pedalata e riguardati .

Mirco ha detto...

Ciao Mauro, le parole di Marta sono una pietra miliare del tuo viaggio. Credo che in tutti noi la gioia per il vostro incontro sia grandissima. Ha ragione Marta, questo viaggio doveva partire così e deve svilupparsi così. Tu sai delle sue perplessità sulla tua "fretta" di partire, adesso tutto sembra disegnato da una traccia Divina. Tra pochi secondi ti manderò con un sms con i riferimenti di due negozi di bici ad Oaxaca ed anche una serie di riferimenti che sono una "zona bici" della quale fanno parte dei ciclisti e quindi comincerei da quelli che potrebbero essere molto più sensibili alla tua causa. Credo che su oggi ci sia poco da dire tra me e te, sappiamo tutti e due che sarà una giornata di sofferenza incredibile. Per voi amici spiego che oggi Mauro dovrà scalare due salite la seconda delle quali è lunga 25 Km. e lo porterà ad oltre 2000 mt. di quota, e senza l'utilizzo del cambio e, sopratutto, dei rapporti giusti, sarà durissima. Animo amico mio, esperiamo che questa sera trovi chi sistemerà la bici. Un abbraccio.

sabina federigi ha detto...

Caro Mauro,dal segnale sembri acora fermo in un paesino, spero che sia perchè ti aggiustano la bici... altrimenti quando leggerai avrai sicuramente superato la fatidica salita con i suoi pro e i suoi contro!!! Grazie a Mirco comunque avrai degli indirizzi dove appoggiarti e speriamo ti possano essere utili!!! Domani non ti scriverò ma sarai nelle mie preghiere. Vado con mamma e Maria a Roma all'udienza di Papa Francesco poi nel pomeriggio alla Santa Messa e avrò modo di pregare per te, per le Missionarie i missionari sparsi nel mondo, per le persone che si adoperano per fare del bene e portare amore nel mondo e per tutti quelli che cercano di starti vicino in ogni modo e con ogni mezzo!!! continua così che sei forte, mangia un pò di più e vai noi siamo con te. un forte abbraccio Sabina e famiglia